Prossimo Obiettivo

sabato 21 febbraio 2009

36 chilometri

Che faticata !!!
Parto per recuperare il lunghissimo da 36 Km che avrei dovuto fare domenica scorsa e che per motivi di precareità fisica (influenza) non sono riuscito a svolgere.

Questa, doveva essere una settimana di scarico ed invece è diventata una settimana pesante.
Tenendo conto che lo scarico, forzato in verità, lo ho fatto la settimana scorsa, e destreggiandomi tra quanto previsto nella settimana saltata e quanto previsto in questa, con un fulgido esempio di capacità alchemiche sforno il seguente menù a base di saliscendi, variazioni al ribasso, speranze e timori:

Martedi: Ripetute 3x3000 con rec 1000
Giovedì: 10 Km di CorsaLentaSvelta
Sabato: Lunghissimo da 36 KM
Domenica: 8 Km di CorsaLenta

La settimana è stata pensata, principalmente per preparare il 36 K, che nella mia mente sembra un enorme moloch da abbattere, ma che mi incute un certo rispetto, arriverei a direi anche un certo timore. Mai arrivato a certe distanze.
Affronto la prova con questa predisposizione d'animo, scelgo un ritmo prudenziale intorno a 5 e 30, da cui non riusciro più a schiodarmi.
Luogo della prova è la pineta di Castelfusano, il percorso individuato prevede 2 giri identici ed un terzo accorciato in modo da sommare 36 Km.
Corro da solo, e qusta volta niente musica nelle orecchie, anche se il lettore è nella mia tasca.

Ho appresso le maltodestrine a lente rilascio comprate da Decathlon da provare.

Alla fine posso dire: Missione compiuta
.

Ma che fatica! Nei primi Km non riesco ad alzare il ritmo, non so se per paura
di non averne poi abbastanza per concludere o per effettiva impossibilità.
Poi mi rassegno all'idea che oggi si deve correre a 5:30, e qui la mia testa
comincia a fare calcoli, a farneticare di algoritmi, a perdersi in formule, ad immaginarsi
tabelle Excel, per capire ed indovinare, quali possano essere obbiettivi realistici
da fissarsi per la MaraRoma.
Passo da un "sognato 3h e 45", ad un "magari stare sotto le 4h" , ad un rassegnato
"basta arrivare" .
Gli ultimi 6 K sono una vera sofferenza, il ritmo cala di "na nticchia" ( trd: un pochino :-))
Mi pongo obiettivi intermedi, un albero, un cartello, un segno.
La frequenza del nuovo target diventa frenetica, prima ogni 1 Km, poi 500 mt,
poi 100, poi a distanza variabile sempre più corta.

Alla fine sono 36,4 Km. Ora devo raggiungere l'auto.
Un' altro chilometro e mezzo percorso a passo svelto (dicesì camminata), voluto,
non errore di valutazione del percorso, per poter assaggiare i chilometri oltre il 36.
Un altro mattone è stato messo, anzi direi una pietra d'angolo, un pilastro.

Avanti così. E domenica prossima la RM-Ostia.

12 commenti:

Furio ha detto...

Vai Franco bell'allenamento, e bella settiman, ti alleni bene ;-)

Alvin ha detto...

Esatto, è un pilastro in ottica Roma, l'importante era stare 36 km sulle gambe, anzi io butterei nella somma quel km e rotti per arrivare alla macchina, mi raccomando, l'alimentazione nel giorno della maratona...devi partire con i serbatoi pieni e calcolarti bene quando prendere gel/maltodestrine o altro, in bocca al lupo!

yogi ha detto...

okkio Franchino, forse hai tenuto una media un tantinello esagerata.... lo dico per esperienza: rischi di arrivare esausto.... ;)

GIAN CARLO ha detto...

Maratona da vivere senzansie..in compagnia dei pace-maker delle 4 ore.
Non avrai problemi. Non osare di +.
Semmai ogni tanto staccali andando 2-3km a 5.30(loro faranno 5.40)...poi cammini un po' fino a farti riassorbire.
E' ancora meglio perchè scrichi muscolarmente la postura...arriverai soddisfatto e con la pippa in bocca(trd: facile)... poi dalla prossima ...meni !

Danirunner ha detto...

Non ti preoccupare! secondo me arriverai in carrozza!!!

Francorre ha detto...

@ Yoghi, bello che sei passato, per te c'è sempre un barattolo di miele pronto.
@ Giancarlo, Yoghi: proverò a seguire i vostri consigli di fare una gara prudenziale, ma non lo posso giurarlo.
@Alvin, Furio, Danirunner: Spero che la carrozza non buchi andando a sbattere contro il pilastro. :-)

Simone e Anita ha detto...

La maratona si corre sempre un po' di piu' che in allenamento,se non ti fai prendere dalla frenesia della prima metà corsa arrivi molto bene.
Simone

Gianluca Rigon ha detto...

Gran bel lunghissimo, fondamentale per La MaraRoma ! Hai descritto le stesse sensazioni che provo io quando faccio un lungo.....
Parti a 5:30 e tenta di tenere fino alla fine, eventualmente puoi cedere un pò ma il traguardo delle 4h ti aspetta !

Dante ha detto...

Bravissimo 36 km da solo sono praticamente una maratona....già hai gli attributi in regola per i 42 km....importante è il giorno della maratona non seguire il flusso frenetico iniziale senza rendertene conto sei buono di fare 10 km anche 10-20 secondi troppo veloci e dopo sono dolori...parti prudente così a sensazione sei da 5'40", ma ricorda che la maratona inizia al 35 kilometro...quindi anche solo arriivare al traguardo nella tua prima è un grandissimo risultato. Ma avremo tempo per scambiarci gli auguri.

Francarun ha detto...

hai fatto un bel lungo, e la tua descrizione è perfetta, ti immaginavo li a calcolare, ma secondo me vale la frase, basta arrivare, io non calcolo mai, a me interessa arrivare e dire: Anche questa volta ce l'ho fatta. Se ti può consolare anch'io sono indietro con i lunghi non ne ho ancora fatto uno, !
Domenica alla Roma Ostia ci sarò anch'io con la Cri !

yogi ha detto...

Frà, con gli RSS vi leggo (anche FabioG) in tempo reale.... giusto per la cronaca, siete in compagnia dei vari Grillo & co...... ;)

FabioG ha detto...

Ottimo Francorre! Punta alle 4 ore e chiuderai la maratona comodamente sotto le 3.59.59. Intanto faccio un pronostico su di te: alla Romaostia PB.

LinkWithin

Related Posts Widget for Blogs by LinkWithin