Prossimo Obiettivo

mercoledì 3 marzo 2010

Eccomi di nuovo

E' passato un mese e mezzo dall'ultima volta che ho scritto qualcosa su questo blog.

Non lo avevo abbandonato, ma mi pare sempre più chiaro che l'inchiostro dove intingere la mia penna virtuale, è fatto della stessa materia dei chilometri percorsi lungo la strada, dello stesso colore cangiante del clima di qualunque tipo, sia esso cielo di azzurro intenso o plumbee nuvole nere, di quando esco in pantaloncini e maglietta, dello stesso odore degli alberi che sfioro nelle mie corse lungo i sentieri interni della pineta di Castelfusano o della Madonnetta, dello stesso sapore acre del sudore che percorre rivoli che rasentano la mia bocca, aperta a cercare l'aria mancante.

Quando non corro, mi diventa difficile esprimere le emozioni, o raccontare lo stato del riposo forzato. Sembra di raccontare le stesse cose, e mi diventa automatico allontanarmi un pò.

Mi affaccio di tanto in tanto a commentare gli amici, che rimangono sempre amici.

Ma adesso abbiamo ricominciato a correre, a fare qualche passo decisamente poco felpato, ma finalmente si avanza di qualche metro.

In questo ultimo fine settimana la mia casa è stata benevolmente e piacevolmente invasa da amici e parenti lametini, che hanno poi corso la Regina delle Mezze. E' stato bello condividere le loro attese dissimulate, le loro ansie nascoste, i loro obbiettivi non dichiarati.

Io rimango contento ed orgoglioso dei loro risultati.

Bello anche i chilometri percorsi, insieme alla truppa, in giro per Roma, invasa da scozzesi, dispiaciuti per la partita persa, ma estasiati dalle bellezze della Città Eterna. Per quest'anno abbiamo evitato il "cucchiao di legno", di chi perde tutte le partite del SEI NAZIONI.

E' stato molto simpatico ( e dicopoco!!!) anche l'incontro con la cugina più pazza che ci sia. Provare non dico a frenare, ma almeno ad incanalare, il suo entusiasmo corsaro è un impresa improba. Però ce ne fossero di più, di persone cosi appassionate.

E poi il giorno dopo sulla strada che portava al mare c'era anche lei, sì senza pettorale appuntato davanti, ma davvero con un grande cuore che pulsava nel suo petto.
Quello è il pettorale numero 1.

Bello anche ascoltare Gianni Morandi all'Expò. Veramente una persona ed un artista di grande professionalità ed soprattutto di grande umanità.


Adesso chiudo lasciandovi la traccia della mia ripresa.





Lascio con un regalo per Franco, il primo dei lametini, che hanno riempito di calore, corsa ed affetto la nostra casa (parlo anche a nome di moglie e figlia).












10 commenti:

Marco Bucci ha detto...

Ed invece la tua penna forbita e pitttorica infonde emozioni a profusione...
Complimenti : se Yogi dipinge stipendi disegni tu descrivi sensazioni "olegrafiche"...!!
Peccato per quel difettuccio, ma in fondo sono contento : saresti stato perfetto ed una punta d'invidia mi avrebbe pervaso ogni volta che ti vedevo....
Circa la cugina... hai una montagna di ragione... eh eh eh proprio turbo-lenta !!! ;-))))

GIAN CARLO ha detto...

Hai intorno a te esempi positivi da cui attingere... fallo !
Del Milan e della tua sapiente penna nulla aggiungo a cio' che ha detto il mio amico Marco.

Francescarun ha detto...

Mi sono mancati tantissimo i tuoi splendidi post..il tuo modo di raccontare le tue emozioni...bentornato qui caro Franco ...ma soprattutto felice che hai ripreso a correre:)))

Grande Franco e ancora GRAZIE per tutto tutto tutto....se ho il cuore *gonfio* lo devo a Te:))

baci

the yogi ha detto...

'yogi dipinge stipendi' è un bellissimo e beneaugurante lapsus! anch'io dico: meglio il silenzio di una banalità, ma per come scrivi correremo il rischio (è un complimento).... ;)

Lucky73 ha detto...

Bentornato Francone!
Cmq anche io quando non corro non trovo il modo di scrivere :)

Francorre ha detto...

Yogi che "dipinge stipendi" è fantastica. Praticamente sei un "Falsario".
@ Tutti, grazie veramente per le belle parole che mostrano affetto.
Per il difettuccio, sai quello è ereditario, direi genetico

Michele ha detto...

Ciao Fran :)

Francarun ha detto...

Devi continuare a scrivere perbacco...son quella penna da poeta che c'hai..
E' stato un piacere vero averti rivisto e vedere che eri li con noi nonostante tu ora sia in fase di recupero.
Grazie per essere stato sei nostri e averci incitato, grazie infinite...
Rosso Nero Forever....

Francorre ha detto...

Un salutone , al sempre conciso Michele ed un abbraccio alla milanista di Pistoia

TylerDurden ha detto...

Bentornato Franco, scrivi più spesso! ciao un abbraccio

LinkWithin

Related Posts Widget for Blogs by LinkWithin